Principi di lettura dei codici a barre

Principi di lettura dei codici a barre

Come vengono integrati i dati letti con il codice a barre nel vostro sistema? Vantaggi: il codice a barre sostituisce l’inserimento da tastiera, è più rapido e privo di errori. Diversi tipi di codice a barre.

Cosa c’è dentro un codice? Esiste la possibilità di virus?

Come leggere i codici a barre e con quali lettori: scanner o terminale? Vantaggi e svantaggi dei diversi metodi. Perché utilizzare terminali mobili con scansione?

Una semplice spiegazione del codice a barre

Il codice a barre è semplicemente una rappresentazione di un numero, di lettere, in un font diverso: immaginate di essere sul vostro word processor e di selezionare il vostro testo e di scegliere un font diverso perché lo trovate più leggibile: è la stessa cosa, solo che il testo è leggibile dalle macchine e non dall’occhio e dal cervello umano.

La codifica è costituita da una precisa alternanza di spessore tra bianco e nero.

Cosa c’è dietro il codice a barre?

In base alla spiegazione precedente: in realtà, dietro il codice a barre non c’è nulla di diverso da quello che c’è scritto! Non c’è né il prezzo sul codice a barre dell’articolo in negozio né la sua descrizione: c’è invece ciò che è chiaramente indicato sotto: il riferimento all’articolo nella maggior parte dei casi in negozio.

Il fatto che pensiamo che dietro il codice a barre ci sia un prezzo e una descrizione è che le macchine che li leggono hanno in realtà un database a bordo o collegato a un computer che lo possiede, e che collega il codice (articolo) letto a questa linea di prodotti in cui possiamo ottenere un sacco di informazioni come il suo peso, il suo titolo in qualsiasi lingua, gli ultimi ordini effettuati, ecc …

I principali vantaggi del codice a barre

  1. la velocità di lettura da parte di macchine chiamate “testine scanner”, che possono leggere centinaia di codici al minuto,
  2. l’accuratezza e la resistenza agli errori: infatti, i codici di errore sono inclusi nel progetto per evitare errori di lettura su decine di caratteri.
  3. collegare diverse informazioni: ad esempio, un articolo alla sua quantità e posizione, o un articolo a un ordine di produzione.

Il principio di inserimento è semplice:

FaseSpiegazioni
codice a barre
un code barre est imprimé sur le produit
Esempio di schermata di ricezione dell'ordine
Input dell’operatore: i dati del codice a barre vengono interpretati dal PDA (terminale di input) (in questo caso, ricezione degli ordini in loco) e memorizzati. Vengono aggiunti altri dati, come la data e l’ora dell’input, memorizzati sul terminale.
Memorizzazione dei dati su un database remoto
La sincronizzazione con il database avviene in tempo pseudo-reale tramite Wifi o 4G, oppure tramite USB tra il PC e il terminale: il file csv di inserimento dati dal palmare può essere trasferito al PC.

vedi: tipi di apparecchiature per la lettura dei codici a barre

Elenco dei codici possibili: simbologie

Vi aiuteremo a scegliere la simbologia più adatta alla vostra applicazione. I nostri modelli di report per la stampa di etichette sono scritti in ZPL e non richiedono l’acquisto di licenze o font: la nostra stampante specifica li ha integrati, senza complesse transcodifiche:

  • Codabar : numero, senza checksum
  • Code-39 : caratteri da 0 a 9, da A a Z, il carattere “spazio” e i simboli:- * . $ / + %, la tabella completa dei 128 caratteri ASCII
  • Code-128 Auto :codifica i caratteri ASCII 0-126, compresi numeri, lettere, alcuni simboli e la funzione GS1 FNC-1
  • Set codice-128 : (preferibile nell’industria e nella logistica)
    • C128A : codice 128 nel set di caratteri A, che include lettere maiuscole, numeri e alcune funzioni
    • C128B : Caratteri ASCII da 32 a 126, maiuscole e minuscole, numeri e alcuni simboli.
    • C128C : cifre accoppiate e la funzione GS1 FNC-1
    • GS1-128 (UCC/EAN-128) : come C128 Auto con funzione GS1
  • DPM : Direct Part Marking : Codice a barre di tipo Datamatrix, inciso direttamente in rilievo sul metallo senza essere distrutto da macchine speciali e letto da terminali con imager anch’essi speciali per brillantezza e riflessi: chiedeteci una consulenza per la scelta.
    codice DPM : codice a barre per metalli
  • Interleaved 2-of-5 : solo numeri, molto compatto e resistente alle imperfezioni
  • MSI : solo numeri
  • Postnet : numeri, spazio e “-”
  • PDF417 :(in 2D: lettore di immagini) codifica testo, numeri, byte, file, fino a 1035 caratteri
  • QR Code : Capacità massima di memorizzazione dei dati (versione 40, 177×177): caratteri numerici: massimo 7089 o caratteri alfanumerici: massimo 4296 o binari (8 bit): massimo 2953 byte
  • GS1 DataMatrix : (2D, lettore di immagini) codifica testo, numeri, byte e file e può codificare fino a 2.335 caratteri su una superficie molto ridotta,
  • il “codice a punti” (dot code) i pacchetti di sigarette possono essere letti con l’ausilio di imager (2D),
    il codice a punti (dot code) i pacchetti di sigarette
    Come in questo caso, il piccolo codice a punti della foto allegata su un EDA51 con un’applicazione dell’SDK, viene visualizzato sullo schermo come “302Z3HFS62L” nel tipo 46 (simbologia) in meno di un secondo. Il codice a punti è un tipo di Datamatrix (tipo 46) è un CCA GS1 128, poco conosciuto fino al 2018.

La testina di lettura dei codici a barre imager o laser inclusa nei terminali restituisce al programma il valore del codice a barre letto e la sua simbologia.

Il nostro software può tenere conto di questa simbologia in alcune applicazioni con lettura multipla o sicura.

Cosa non deve essere stampato intorno al codice a barre?

Come suggerisce il nome, un codice a barre è composto da barre.

Per non interferire con la sua lettura, NON si devono inserire barre in un’area periferica di circa 5 mm (chiamata “zona tranquilla”). Non bisogna quindi circondare il codice con una cornice (o con i contorni delle celle di Excel, ad esempio).

In questa zona non si deve nemmeno inserire un cambio di colore o qualsiasi altro codice a barre, né stampare un codice sul bordo di un’etichetta: anche l’ombra dello spessore può costituire visivamente una barra.

Un codice a barre può essere letto a qualsiasi distanza?

No. I codici convenzionali vengono letti con testine convenzionali, cioè tra 10 e 50 cm.

Sono disponibili testine di lettura più potenti, ma il codice deve avere una dimensione minima. Esistono regole molto complesse per calcolarlo.

In base all’esperienza, si dovrebbe prevedere una larghezza del codice di un pollice (2,5 cm) per metro di distanza di lettura per un EAN13, con altre simbologie nella stessa proporzione.

È possibile infettare uno smartphone o un terminale con un virus dei codici a barre?

Innanzitutto, tecnicamente non può esserci un virus in un codice 1D. Solo i codici 2D (codice QR o Datamatrix) possono esserlo. Se il codice 2D porta a consultare una pagina Internet contenente virus, sì, lo smartphone può prenderlo, ma solo in alcuni casi.

Nelle applicazioni professionali, invece, dipende dal design del software utilizzato per leggere il codice a barre. Tecnicamente, la testina di lettura legge solo il codice e trasmette i dati letti al software che l’ha chiamata. Se questo software interpreta il contenuto dei dati del codice a barre, può essere possibile avere un virus se il codice ne ha uno, a patto che si superino le protezioni di Android, che eredita da Linux, che è abbastanza impermeabile per progettazione a questo tipo di malware.

Esempio di interpretazione: lettura di un QR-Code che rimanda a un sito: si tratta di un’interpretazione se viene letta dal browser.

Il nostro software non interpreta i codici a barre, li legge, li memorizza e li associa tra loro sulla base dell’uguaglianza: in generale, un codice che contiene un virus è molto complicato in termini di contenuto, e non potrà mai essere associato ad articoli o operazioni di gestione se non viene rilevato immediatamente.